Innamorarsi persa di un colore… succede con Pupa 50’s Dream LTD Edition p-e 2013

pupa_primavera2013_50 edition

A dispetto delle mie idiosincrasie, e di quanto dichiarato negli ultimi articoli sul make up e le profumerie , (spinta dalla convinzione che, se qualcosa non si sa, la si impara) devo confessarvi che mi ritrovo oggi con un pallino grosso come una casa a proposito dell’arte del make up – su cui sto tentando di imparare quanto e più possibile.

Presa da un impeto di vergogna per la mia poca, svogliata attenzione al soggetto, mi sono guardata attorno con un pò di interesse e, sarà l’aria di primavera, sarà il martellamento continuo delle campagne pubblicitare… ebbene, mi ritrovo in poche ore completamente catturata nella rete.

La mia rovina? Finire sul sito di Pupa per cercare di partecipare all’ultimo contest in atto (pregando gli dei che mi concedano di essere una delle fortunate vincitrici perchè magari, dico magari, da una seduta di make up – con un makeup artist moooolto paziente – qualche utile lezione riesco a portarla a casa persino io!).

E qui, sul sito di Pupa, in bella vista nella finestra principale, ovviamente nella neo-uscita collezione primavera estate 2013 50’s Dream Limited Edition, il colore che mi sta facendo dannare l’anima negli ultimi giorni. Il colore che non mi si leva dalla testa, che vedo nelle vetrine, inconsapevolmente cerco nei negozi. La sirena salmone aranciata, che finalmente ha un nome. Apricot. Albicocca.

runway_pastel_color

Come ho fatto a non pensarci prima.

Come ho fatto a non vedere mai questo colore!

A giudicare che non stesse bene con il mio incarnato!

Beh, devo dire che evitare le profumerie come la peste non mi ha di certo aiutata ad uscire dal solito schema-colore, e da anni di abitudini consolidate… così, oggi mi sono fatta forza e sono andata per profumerie.

La buona notizia è che ho persino trovato una commessa gentile, ma così gentile che quasi non ci credevo, e che mi ha fatto ricredere sule mie convinzioni e tornare -se non proprio ad amare- almeno a riporre un pochino di fiducia nelle profumerie. E soprattutto nelle persone che ancora hanno voglia di far bene il loro lavoro.

rossetti-50s-dream-pupa

Spero sarete fiere di me nell’apprendere che sono uscita con i miei primi due acquisti (di timida prova): il fantastico rossetto n° 205 50’s Dream Limited Edition (il secondo nella foto qui sopra) e l’ombretto Luminis Silk n° 501, color Apricot (ovviamente –  il primo nella foto qui sotto).

Recensire prodotti di make up non è certo il mio lavoro e non mi metterò a farlo proprio ora, ma con voi dovevo condividere questa mia passione, sfociata in amore puro, per questo colore.

L’ombretto è un sogno, davvero quando lo stendi a tutta palpebra dona una luminosità soffusa, lievemente aranciata, perlescente ma non troppo, leggerissima, davvero spettacolare: erano anni che cercavo un ombretto così, che non mi pappesantisse le palpebre!

ombretti-50s-dream-pupa

E il rossetto… beh il rossetto è l’unico altro colore, che non sia rosa, che straordinariamente mi sta bene sulle labbra. Incredibile. Non sbatte, non muore, è facile da applicare: non è mat e ne menno troppo glossy o lucido… il giusto per uscire e affrontare una giornata di sole!

I prodotti vengono in un packaging che, anche lui da solo, è un bijoux, con quell’accostamento di colori che, non so, mi tocca qualcosa nel profondo. Sono i miei colori preferiti, sono quelli che indosso d’estate (sono anni che dico che quella tonalità di verde è qualcosa di sublime!), mi fanno stare bene ogni volta che li guardo, grazie al potere della cromoterapia!

Beh, forse sto un pò esagerando, ma è una deformazione professionale di noi del marketing: pippe infinite sui colori, e facciamo molta attenzione al packaging. E uno così fresco, delicato, fruttoso, non può certo passarci inosservato.

Per completare l’idea sulla collezione, sono andata a visitarmi anche il blog di Pupa, mi sono spiluccata la presentazione della passerella abbinata al look, e ho già visto qualcosa che mi piace, qualcosa da mettere in pratica, e qualcosa su cui lavorare… buono. E’ sempre una buona cosa quando la mente brulica di idee.

50_dreams_collection_passerelle_2

Forse perchè il chiaro intento della collezione è ispirarsi agli anni ’50, che sono una delle poche annate “anta” che per me conservano quell’idea di stile classico e chic, quell’allure di purezza e bon ton, che ne fanno uno dei miei preferiti. Con Grease e i milk shakes in frulleria, le gonne a campana e i colori pastello da signorina perbene, i barboncini, le “cofane” in testa e i bustini, il frigorifero Smeg (che ho sempre voluto in casa e prima o poi lo avrò!), la Vespa… ah, bei tempi!

Non li ho mai vissuti, ma forse questa è una buona occasione per ri-viverli per la prima volta!

Insomma, sono veramente entusiasta dei miei acquisti e si vede? Eheheh menomale, altrimenti sarei qui a dover gestire la crisi di coscienza e il pentimento da post acquisto…e  non è mai un bello spettacolo, voi sapete no?

immagini da Pupa.it – guardatevi anche il tutorial per ottenere il trucco della campagna pubblicitaria, è veramente easy che perfino io ho capito e già messo in pratica!

 

e se vi è piaciuto questo articolo…

badge_blogger we want you_runner

badge_blogger we want you_runner

 

Bloglovin widget

Bloglovin widget

Annunci