TAG: voglia di viaggiare!

Cari follower, oggi ci prendiamo una piccolissima pausa dai soliti temi fashion, beauty & make up, per tornare ad uno dei primi amori (e anche uno dei primi temi di questo blog), troppo a lungo trascurato: i viaggi.

Se per un certo verso, infatti, purtroppo questo è un periodo penosamente scarso (per non dire assente) di viaggi, d’altra parte a me piace avviarmi spesso sul viale dei ricordi, evocare le esperienze passate, le terre visitate, riguardarmi le foto, sospirare al ricordo. E quale modo migliore se non rispondendo al tag di Insane Bazar??

Eccoci quindi con delle divertenti domande e risposte, a cui io ho aggiunto il mio tocco personale: a conclusione di ciascuna risposta vi dico una curiosità su di me, e l’argomento trattato (se ci riesco).

Domande e risposte che, ovviamente, vi giro: siete tutti taggati e mi farà piacere leggere le vostre risposte!!

Il tuo viaggio più bello?

Ecco, la prima domanda ed è già quella difficile.

Sono stata fortunata, e ho potuto viaggiare tanto, e mi mancano tutti i posti dove sono stata, dal primo all’ultimo. Rifarei ogni viaggio, e credo di non essere paradossale nel dire che forse me li godrei anche di più. È la consapevolezza, a cambiare le cose: la consapevolezza di quello che c’è da vedere, di tutte le cose belle che mi sono persa mentre guardavo da un’altra parte, del tempo sprecato a rimpiangere casa mentre ero via (a volte, capita), mentre ero in alcuni dei più bei posti al mondo…in cui forse non tornerò più.

Posso dirvi i miei 3 preferiti, facciamo così, perché ciascun viaggio e luogo sono stati magici per motivi diversi, e cosi:

  • il luogo che mi ha dato più pace e serenità: Ubud, Bali… con le sue verdi colline di risaie, e il suo silenzio eterno.
Bali-Ubud

Bali-Ubud

  • Il luogo più famoso che ho visitato: il Taj Mahal. È anche quello che, in prospettiva su tutto il tour del Rajastan mi è forse piaciuto di meno… incredibile, vero? Troppo turistico però… alla fine risultava quasi finto, e perdeva tutta la poesia. A questo punto allora vi direi che il luogo più famoso che ho visitato e amato, è stato Angkor Wat, in Cambogia… set del film Tomb Raider, vi dice niente?
Taj-Mahal-India

Taj Mahal

Curiosità: sono anche riuscita a salire sulla piramide di Chichen Itza prima che la chiudessero definitivamente al pubblico. E’ un luogo famoso, e molto bello… ma il Taj di più ahahah.

  • Il mare più bello: a questo rispondo senza indugio… le Maldive. Per una vacanza di relax, solo sole mare e grandi abbuffate di pesce, Maldive. Fidatevi.

maldive

  • Il tour più bello: Bali, Cambogia e Birmania. Scegliere mi spezzerebbe il cuore, perciò non lo faccio.
Bali

Bali

Cambogia-Angkor

Cambogia-Angkor

Bali

Bali – Bat Temple

Birmania

Birmania

Il luogo di religione che mi ha commosso di più: il tempio del crepuscolo (Sundown Temple) in Birmania. Non che non abbia visto altri templi belli (a Bangkok ad esempio il tempio delle 99 buone intenzioni del Buddha), ma quello è stato magico, davvero.

Sundown-temple-burma

Birmania, Sundown Temple, Mandalay

  • L’esperienza più avventurosa: direi il safari in Tanzania, solo per il numero di bestie mortali che ho visto (fortunatamente da “abbastanza lontano” per non farmela sotto).
  • Un luogo che consiglieresti di visitare: La città di Fatepur Sikhri, India. Un’intera città costruita e poi abbandonata perché si sono prosciugate le falde acquifere. La chiamano la città fantasma, ed è spettacolare.
Fatepur-sikhri

Fatepur Sikhri la città fantasma

  • La città più amata: un bel match fra Singapore e Bangkok.
  • Il posto più freddo visitato:  San Pietroburgo, l’8 dicembre. Vi dico solo che nelle foto ho la stessa paresi su tutte. Tutte.
  • Il posto più caldo: Bagan, Birmania. 45 gradi all’ombra ma un caldo talmente secco da entrarti nelle ossa senza soffocarti, ma scaldandole piacevolmente. Una cosa mai provata.
Bagan-Birmania

Bagan-Birmania

  • Il viaggio più brutto mai fatto: i viaggi non dovrebbero mai essere brutti, ed ora passerò per razzista ma…l’Egitto. Per colpa degli Egiziani. Gente  che ci ha puntato il mitra all’aeroporto perché camminavamo non in linea verso l’aereo (mi ero fermata ad aspettare mia madre per portarle lo zaino), e che per tutta la durata del viaggio non ha fatto che criticare me e mia madre perché eravamo donne e “maneggiavamo soldi”. Il cameriere a noi assegnato per i pasti non ha fatto altro PER TUTTO IL TEMPO che chiedere a mia madre di potermi sposare e venire in Italia e io, che ero ragazzina, ho passato la vacanza con il terrore di venire rapita. Non ci hanno lasciate in pace un solo minuto, e quel viaggio l’ho odiato.

Curiosità sui miei viaggi: ho girato tantissimi luoghi fantastici, lontani e in giro per il mondo… e della mia Italia, dove sono nata e cresciuta, ho visto pochissimo! Sono veramente una turista-frana!

Ricordi a memoria il numero del tuo passaporto? Oddio purtroppo no… ma neanche quello della carta di identità se è per quello. Ho una memoria ottima per i numeri (il CF ad esempio lo so a menadito), ma fin qui non arrivo.

Una curiosità a proposito del mio passaporto, però: ho tenuto quello scaduto, perché era talmente pieno di timbri in giro per il mondo che mi piangeva il cuore a buttarlo, e ogni tanto lo sfoglio con il sorriso sulle labbra….

Come preferisci viaggiare? Treno, Aereo, Nave o Macchina…

Decisamente in aereo. Tutti i miei viaggi li ho fatti così, adoro gli aeroporti, adoro perdermici e girarmeli per ore, farci scalo anche per delle nottate intere non mi è mai pesato: in giro per il mondo hanno quasi sempre i negozi aperti 24/7 ed è come stare in paradiso a poter scoprire bottegucce di prodotti locali e oggettistica varia. E poi le librerie: passo le ore a scegliere i libri in lingua inglese che mi porto a casa dai viaggi (è una consuetudine, per ogni viaggio devo avere almeno 1 libro, che poi a rileggerlo mi ricorda inesorabilmente le atmosfere di quel viaggio…)

Curiosità sugli aeroporti: appena entrati all’aeroporto e fatto il check in, è quello il momento in cui ti colpisce il pensiero, elettrizzante e fantastico, e ti dici “Adesso si, che mi sento già in vacanza!”

Gli aeroporti più belli? In assoluto??

aeroporto-di-bangkok

Bangkok

Singapore-piscina-orchidee

Singapore – oasi delle orchidee, aeroporto

singapore

singapore

dubai-aeroporto

dubai

e ovviamente… tutti i piccoli aeroporti, le piste sterrate, le piste a malapena visibili e quelle in mezzo al mare, gli aeroporti galleggianti per gli idrovolanti e quelli a una sola pista in cui la valigia te la dovevi portare tu fino all’aereo, quelli in cui era disponibile una sola sala per arrivi e partenze e quelli in cui il tapis roulant per il check in bagagli era..di legno. quelli dove hanno pesato le valigie e si sono guardati preoccupati (del fatto che l’aereo probabilmente non sarebbe decollato sotto quel peso), e quelli dove abbiamo dovuto spogliarci completamente per passare i ristrettissimi quanto inutili controlli…

Chiunque abbia viaggiato, sa di cosa parlo.

idroporto-maldive

Maldivian Air Taxi.. i piloti dai piedi scalzi

Curiosità sugli aerei: ho nostalgia degli aerei e a volte mi prende all’improvviso, quando sento qualche aereo che percorre la sua rotta sopra casa mia, o il caratteristico suono dell’inversione dei motori, che di solito annuncia (anche quando ci stai sopra e magari stai dormendo) che è iniziata la fase di atterraggio.. è un momento elettrizzante, no? Ti fa pensare: “evvai, la mia avventura sta per cominciare!”

Curiosità su di me & gli altri mezzi di trasporto: non sono mai stata in nave, se escludiamo qualche sporadico passaggio in barche e barchette più o meno veloci… ma su una nave da crociera, MAI! Bagaglio a mano o imbarcato? Voi non avete mai visto il mio bagaglio… ahahah. Rigorosamente imbarcato! E chissenefrega se poi lo devi stare ad aspettare…cos’è tutta questa mania della fretta? Tanto se sei in gruppo il transfer deve aspettare fino all’ultimo e se sei da solo… relax! Sei in vacanza. E se lavori: relax! Non è mica colpa tua se hanno consegnato il bagaglio in ritardo. E poi, ODIO i cafoni che si portano i valigioni come bagaglio a mano e occupano file intere di cappelliere e a te la hostess ti sequestra la roba e la ripone lontano riconsegnandotela solo quando scendi. È una cosa che mi manda in bestia: se mi port qualcosa sull’aereo solitamente è poco: IL POCO CHE HO BISOGNO DI AVERE CON ME a portata di mano. Fate scendere i cafoni e fateli andare a piedi!

Curiosità: odio anche quelli che ti spingono e ti mollano le valigie sull’alluce una volta recuperate dal tapis roulant perchè loro le devono recuperare in fretta e noi tutti ci dobbiamo fare da parte… come ho detto sopra: relax, cazzarola, cosa credi che cambi procurandomi un livido e salendo per primo sul pullman che tanto aspetterà me (che intanto sarò finita al pronto soccorso per colpa tua?)

Campeggio, Ostello o Bed and Breakfast?

Campeggio vince su tutto 10 a uno.

Curiosità su me & i campeggi: voi portatemi in un campeggio al crepuscolo, quando i suoi  si fanno ovattati, ci si va a fare la doccia e l’aria profuma di shampoo e saponi, e le griglie cominciano a sfrigolare per preparare la cena e le luci si soffondono…e io piango. Letteralmente comincio a piangere. io-al-campeggio

Perché mi ricorda quando ero piccina, l’infanzia passata al campeggio Ca’Pasquali (Jesolo)… una gran bella infanzia, ve lo dico io. Altri tempi, proprio.

Ti piace cambiare o andare negli stessi posti?

Mi piace cambiare ma in alcuni posti tornerei. Diciamo che non sono una di quelli che, quando si trovano bene in un posto, ci ritornano ossessivamente stagione dopo stagione dopo stagione, perché convinti che bene così non si troveranno mai da nessuna parte. No, quello non fa per me.

Curiosità: il luogo dove sono stata più spesso, sono le Maldive. 4 volte, di già, e ci tornerei una 5 senza assolutamente problemi. Anzi. Ormai alla frontiera gli impiegati ridono quando vedono i timbri delle precedenti ospitate e dicono “you love maldives, eh?” e come dargli torto. Va beh, ma ho cambiato isola ogni volta, eh…

maldive

maldive

Ti informi sui posti che visiterai? Usanze, tradizioni, zone pericolose…

Certo! Sono una che adora organizzarsi il tour, andare alla scoperta dei luoghi, delle tradizioni, delle usanze.

Se appena appena ci sono delle finestre di tempo libero previste nel viaggio mi organizzo in anticipo, studiando una bella guida della città e del posto, pensando a un itinerario, ai luoghi consigliati dove mangiare, alle cose da vedere. Cammino molto e mi piace esplorare le città, ad esempio, e sono capace di cacciare in una giornata anche 8 ore di “spiedazzata” senza sentirle. È la cosa più divertente del viaggio.

singapore-skyline

Singapore

Curiosità: ho fatto così per esempio per Barcellona, girandomela tutta a piedi per scoprire – senza pentirmi – solo l’ultimo giorno che era possibile comperare il biglietto per il bus-taxi che ti porta in giro per la città comodamente seduta… ma sai che palle? Mi sarei persa ¾ dei magnifici angoli scoperti andando a piedi (la libreria pasticceria, il barettino di tapas, il ristorante Thai dietro al nostro albergo…)

barcelona-gaudi

Barcellona

Prenoti in agenzia o sul web?

Ho la mia agenzia di fiducia, per i viaggi “seri”, mentre non ho problemi a prenotare su web tutto il resto.

Curiosità: l’ho fatto di lavoro per anni, organizzare viaggi e soggiorni, e per me è anche una passione, quindi so organizzarmi un viaggio da sola, ma a volte mi piace farmi coccolare, e affidarmi agli “esperti” 😉

Se potessi partire adesso, senza limiti di spesa o di tempo dove andresti?

Così di primo acchito vi direi in Polinesia, ma poi… pensandoci bene… avete detto senza limiti di spesa o di tempo, no?

polinesia

E allora questo vi dico. Partirei per un giro del mondo, che mi occupi per tutta la vita. Se solo potessi…

giro-del-mondo

ps. come avrete capito… le foto sono tutte dei miei viaggi (tranne queste ultime 2). Per vantarmi un po’ (e piangerci sopra) 😉

Annunci